Il mio bambino non parla...ma non è un po' presto per farlo vedere?

Questa è una delle domande che spesso i genitori rivolgono a noi Logopediste.

In realtà già attorno ai due anni di età si è in grado di stabilire se il linguaggio del bambino sta seguendo le tappe fisiologiche o se risulta in ritardo rispetto alla norma.

Questi bambini, detti Parlatori Tardivi, hanno un lessico molto ridotto nonostante la stimolazione ambientale e l'assenza di deficit neurologici e sensoriali. Solo una piccola percentuale di loro, però, sviluppa in futuro un vero e proprio Disturbo di Linguaggio per cui risulta fondamentale aiutarli il prima possibile a diminuire le loro difficoltà linguistiche attraverso un trattamento indiretto.

La Logopedista, durante le sedute con i genitori, valuta se il linguaggio del bambino è adeguato all'età e fornisce indicazioni e consigli su come stimolare l'emergere di nuovi suoni e parole. Mamma e papà potranno imparare adeguate strategie per comunicare e giocare con il piccolo ed eliminare quei comportamenti che possono ostacolare lo sviluppo del linguaggio.

 

Perchè al giorno d'oggi la parola d'ordine è....Non è mai troppo presto per fare!!

 

Dott.ssa Michela Menta

Logopedista Centro Psiky

Scrivi commento

Commenti: 0